A chi si rivolge

  • Uomini e donne in tirocinio di inserimento o reinserimento lavorativo
  • Uomini e donne svantaggiati (ai sensi dell’art. 4 delle L. 381/91)
  • Uomini e donne appartenenti alle fasce fragili (ai sensi della L.R. 23/2006)
  • Uomini e donne con disabilità di grado medio-lieve

Bisogno a cui risponde

All’interno della Fattoria Sociale vengono realizzati progetti finalizzati all’acquisizione di prerequisiti lavorativi in un contesto protetto e al potenziamento di quelle competenze lavorative già presenti attraverso l’offerta di tirocini e stage di inserimento socio-lavorativo.

Modalità di accesso

Mosaico e New Team Mosaico modalità di accesso
Mosaico e New Team Mosaico modalità di accesso

Gli utenti possono essere inseriti alla Fatttoria Sociale con una delle seguenti modalità:

L’iter di inserimento prevede la conoscenza dell’utente da parte dello staff educativo della cooperativa (coordinatore educativo e psicologa), a cui deve essere presentata la richiesta. Nel caso in cui a fare la richiesta sia un operatore pubblico, la procedura prevede che si definisca l’inserimento secondo l’iter descritto nell’accordo contrattuale di riferimento. Solitamente è l’assistente sociale dell’unità disabilità che gestisce queste prime fasi, dalla segnalazione e conoscenza dell’utente fino alla definizione della data di inizio dell’inserimento.

L’autorizzazione formale ad iniziare la frequenza presso il servizio richiesto proviene dal responsabile della direzione dei servizi sociali.

In caso di richiesta diretta da parte di soggetto privato l’iter prevede la stipula di un accordo tra soggetto privato e cooperativa firmato dal Coordinatore generale della cooperativa

Dalla data di inizio dell’inserimento viene avviato periodo di osservazione di 3 mesi in cui l’equipe degli operatori, con la supervisione di psicologa e coordinatore educativo, valuta se la struttura è in grado di rispondere ai bisogni dell’utente e se questa fase si completa positivamente l’inserimento viene considerato definitivo.

Per ogni utente viene formulato annualmente da parte dell’equipe della Cooperativa (operatori, Responsabile di Unità Operativa, Psicologa) un Progetto Individualizzato, condiviso con l’utente e, ove possibile, con i familiari. Esso si prefigge un piano di intervento, con obiettivi educativo riabilitativi volti alla crescita e al benessere dell’utente condivisi con l’utente stesso e i suoi familiari.

L’approccio

Le attività presso la Fattoria Sociale sono svolte secondo la metodologia cognitivo comportamentale, in particolare attraverso task analysis e rinforzi, con incontri di verifica con operatori e l’eventuale soggetto inviante. Vengono utilizzate schede di monitoraggio ed autovalutazione e viene garantita formazionein merito alla sicurezza dei luoghi di lavoro e Haccp se necessario.

Attività svolte dagli utenti

Le attività consistono nella cura del terreno e coltivazione seguendo i corretti schemi di rotazione con messa a riposo e secondo i principi dell’agricoltura biologica. Sono previsti dei momenti di verifica intermedia e finale dei percorsi insieme al tutor.

Semina e cura del terreno

Raccolta ortaggi

Vendita diretta

Etichettatura

Confezionamento prodotti

Pulizie interne
ed esterne

Servizi

Mensa interna

Spogliatoio con armadietti
personali

Bagni attrezzati

Affiancamento psicologico
e monitoraggio

Orientamento al lavoro

Ampio parcheggio

Descrizione della struttura

La Fattoria Sociale è aperta tutto l’anno, dal lunedì al sabato, in orari variabili a seconda della stagionalità.

Le attività si svolgono sia all’aperto che al chiuso. L’area della Fattoria comprende una superficie agricola di 17,3 ettari, e il punto vendita “Fuori di campo” adiacente.

Le storie

Eventi/iniziative

Spettacoliamo a IT.A.CÀ, il Festival del turismo responsabile

Domenica 30 agosto, alle 21.00 ai Giardini dell’Arena il nostro gruppo di teatro-danza Spettacoliamo porterà in scena “sGUARDI diVERSI” all’interno del palinsesto di IT.A.CÀ – Migranti e viaggiatori, primo e unico festival italiano del turismo responsabile. Dal 28 al 30 agosto 2020 torna a Padova la terza edizione di IT.A.CÀ – il Festival del Turismo

News

Progetto Casa Dolce Casa: cerchiamo volontari

Casa dolce Casa è un progetto di autonomia abitativa per giovani con disabilità lievi. Vivere “da soli” in una casa in condivisione con altri coetanei è parte di un percorso di maturazione e crescita che investe ogni persona, ma spesso i giovani con disabilità hanno enormi difficoltà a raggiungere una emancipazione abitativa dal nucleo famigliare. Il progetto “Casa dolce Casa” nasce per

News

15 anni di Bussola

1/4/2005 – 1/4/2020 Sono passati 15 anni da quando il centro diurno La Bussola ha aperto le sue porte alla città e alle persone più in difficoltà che la vivono ogni giorno. Un progetto da sempre portato avanti grazie alla collaborazione tra la cooperativa Gruppo R, Comune di Padova, Caritas e Padri Rogazionisti, nato dalla

Sostieni

Trovare un lavoro gratificante, essere indipendenti, 
realizzare i propri sogni: per tutti è un percorso difficile. 
Per i ragazzi con disabilità o con disagio psichico 
lo è molto di più.

Nella Fattoria Sociale stiamo per attivare MyAbility: un progetto che nasce per aiutarli attraverso l’orientamento e attività formative che li aiutino ad inserirsi nel mondo del lavoro.

Contribuisci anche tu a sostenere il progetto My Ability per aiutarli a trasformare i loro sogni in progetti per il futuro.

Filtra per

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.
Ok Leggi di più