A chi ci rivolgiamo

Nei nostri servizi accogliamo:

  • Donne vittime di violenza domestica, accompagnate anche da eventuali figli minori, per l’inizio di un percorso orientato all’autonomia e al re-inserimento abitativo e lavorativo.
  • Donne sole in condizione di disagio socio/abitativo per l’inizio di un percorso orientato all’autonomia e al re-inserimento abitativo e lavorativo.
  • Uomini maltrattanti, per un percorso di gruppo psicoeducativo ed esperienziale orientato a modificare le modalità di relazione con la partner e i figli, estirpando gli atteggiamenti violenti e di abuso.

L’approccio

Per il contrasto della violenza di genere abbiamo scelto di agire su più fronti.

Accogliamo la donna e i suoi figli, se presenti, e li accompagnamo verso l’autonomia economica e abitativa. L’obiettivo principale è dotare la donna di strumenti per poter avere le basi, la forza e la determinazione per autosostenersi e autorealizzarsi e per evitare il ripetersi di situazioni analoghe.

Lavoriamo con gli uomini maltrattanti, coinvolgendoli in percorsi di responsabilizzazione per fermare la violenza domestica e ridurre i comportamenti abusivi e autoritari. A questi servizi, inoltre uniamo un’attività di informazione e sensibilizzazione nelle scuole al fine di prevenire fin dalla giovane età l’insorgere di stereotipi e atteggiamenti di violenza sia fisica che verbale.

La metodologia di riferimento

Il modello operativo è quello del case management: un accompagnamento continuo e costante in ogni fase del percorso della persona presa in carico, attraverso il supporto fornito dalla rete di soggetti operanti sul territorio all’interno del medesimo ambito di politiche sociali. La finalità è quella di fornire un tipo di supporto che non sia di tipo assistenzialista. L’approccio centrato sulla persona si traduce in tecniche di ascolto attivo. A fronte delle esperienze negative di cui è portatrice la donna, l’operatrice si pone quale accompagnatrice partecipe e competente in un percorso volto a restituire la soggettività negata, che potrà via via prevedere varie tappe, quali: rappresentare un contenitore per l’ansia e l’angoscia, essere polo di riferimento e barriera difensiva, fungere da esperienza emozionale correttiva, servire da difesa contro l’isolamento e l’emarginazione, promuovere integrazione sociale e valorizzazione soggettiva.

Sei a conoscenza di una situazione di violenza domestica?

La rete

  • Centro Veneto Progetti Donna
  • Centri anti violenza regionali
  • Servizi Sociali del Comune di Padova e di Comuni limitrofi
  • Caritas
  • Cooperative sociali del Veneto che si occupano di contrasto alla violenza di genere
  • Associazione Relive
  • Associazionismo del territorio
Leggi le nostre esperienze su Storie, il blog realizzato dagli operatori che lavorano a contatto con le donne vittime di violenza e chi si trova in una condizione di marginalità sociale.

 

Vai al blog

Servizi

Casa Viola

Struttura di accoglienza che offre alle donne vittime di violenza e ai loro bambini un alloggio protetto e un percorso di accompagnamento all’inserimento lavorativo.

Leggi tutto

Civico Donna

Leggi tutto

Servizio Uomini Maltrattanti

Leggi tutto

Richiedi una consulenza

privacy policy*

*Campi richiesti

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.
Ok Leggi di più