Dal blog di Gruppo Polis

Le storie, gli eventi, le notizie raccontano il nostro impegno
Eventi/iniziative

I NEGOZI E LE LIBRERIE DI PADOVA SI SCHIERANO PER LE DONNE VITTIME DI VIOLENZA

 

In occasione della Giornata Internazionale della donna saranno quasi 40 i negozi e le librerie di Padova e provincia che prenderanno una posizione chiara e precisa: quella di aiutare le donne vittime di violenza.

I negozi lo faranno posizionando alla propria cassa una casetta di cartone in cui lasciare un’offerta libera e le librerie permetteranno di acquistare un segnalibro artigianale in stoffa realizzato dall’Associazione “Il giardino di Alice”: in entrambi i casi il ricavato sarà donato interamente a Casa Viola, abitazione a indirizzo segreto che accoglie le donne che hanno subito violenza, accompagnate dai figli minori se presenti.

L’iniziativa partirà l’8 marzo e proseguirà almeno fino a fine dicembre 2017.

A partecipare ci sono alcune librerie – Limerick, Pel di carota, Lìbrati, Il mondo che non vedo, Altre Voci, Libreria Zabarella – e negozi di vario settore tra cui: la profumeria Beghin in via Zabarella, la pasticceria Libralòn a Pontevigodarzere, la fioreria Faggin di Via Belzoni, la Ferramenta Emporio Sanguin a Selvazzano, il bar La Piazzetta a Limena, il Centro estetico Nefertiti a Montà e molti altri.

“Sono quasi 7 milioni le donne che in Italia hanno subìto violenza fisica, psicologica o sessuale nel corso della propria vita: donne di qualsiasi estrazione sociale. In Veneto addirittura 1 donna su 3 dichiara di essere stata vittima di violenza. Spesso sono madri e nel 65% dei casi i figli assistono alla violenza subita dalla mamma” racconta Alice Zorzan, Responsabile di Casa Viola. “sono gravissime le ripercussioni psicologiche che questi bambini e bambine avranno in futuro, è necessario fermare subito questo circolo di violenza e traumi. Casa Viola si occupa di aiutare queste donne, accompagnandole verso l’autonomia, attraverso la ricerca del lavoro, della casa, dell’indipendenza economica, per ricominciare una nuova vita. È di qualche giorno fa la notizia che la Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per non aver agito con sufficiente rapidità per proteggere una donna e suo figlio dagli atti di violenza domestica perpetrati dal marito che hanno poi portato all’assassinio del ragazzo e al tentato omicidio della moglie. Questi episodi sono più frequenti di quanto possiamo immaginare e non possiamo permettere che accadano ancora.”

“Tanti sono i librai e i negozianti che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa“ riporta Stefano Zaramella, Responsabile Fundraising “ dimostrando sensibilità alla causa e voglia di contribuire concretamente, prendere posizione e metterci la faccia nella battaglia contro la violenza sulle donne. È veramente importante il loro coinvolgimento perché veicolano un messaggio importante sul territorio, andando a intercettare il pubblico in modo trasversale, come trasversale è purtroppo il fenomeno della violenza domestica”.

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.
Ok Leggi di più