Dal blog di Gruppo Polis

Le storie, gli eventi, le notizie raccontano il nostro impegno
News

Stare vicini alle persone: ecco come ci stiamo riuscendo.

La parola “vicinanza” ricorre spesso quando parliamo della nostra mission e del lavoro che ogni giorno operatori, educatori e psicologi svolgono all’interno delle comunità, degli appartamenti protetti, dei centri diurni: vicinanza alle persone, che si traduce in termini di supporto, sostegno, accompagnamento.

In giorni in cui la vicinanza fisica non ci è possibile per salvaguardare la salute di tutta la comunità, vi raccontiamo brevemente quali altri modi stiamo utilizzando per far sentire la nostra presenza e il nostro sostegno a chi vive una condizione di fragilità e che proprio in questo periodo ha ancora più bisogno di un supporto che trasmetta sicurezza e fiducia.

 

Comunità Alloggio per la disabilità “Biancospino” e “Abitare il Tempo”

Facciamo molte videochiamate con i famigliari dei nostri utenti e utilizziamo la videochiamata anche per i colloqui con la psicologa. Non potendo più partecipare alla vita sul territorio, abbiamo dato il via a nuove attività in casa (come la visione di film dividendoci a turni per poter mantenere le distanze di sicurezza) e potenziato quelle in giardino per godere comunque delle belle giornate: giardinaggio, ginnastica dolce, cucina e ogni giorno un momento aperitivo (ovviamente analcolico) dalle 17 alle 18 per rendere le giornate più leggere e piacevoli. 

 

CTRP “La Meridiana” e Gruppi Appartamento Autonomi e Protetti per la salute mentale

I nostri ospiti capiscono la situazione, ma fanno fatica a tollerarla, in particolare vedono noi operatori che entriamo ed usciamo dalla comunità e vorrebbero anche loro poter vedere le proprie famiglie. Sentono molto il peso di questa distanza forzata. Dove possibile utilizziamo i mezzi a disposizione: chiamate e videochiamate con le famiglie.
Con  i gruppi appartamento autonomi e protetti siamo molto restrittivi in merito alle uscite, spieghiamo più e più volte le indicazione emanate dalle ordinanze, leggiamo insieme gli aggiornamenti e le notizie. Misuriamo la febbre a tutti gli operatori e pazienti 2 volte al giorno (a inizio e fine turno).
C’è molta preoccupazione e molto stress tra gli operatori: ci sentiamo fortemente a rischio, sentiamo tutta la responsabilità e il rischio di poter essere inconsapevolmente veicoli di contagio per tutta la comunità.

 

Centro Diurno per senza fissa dimora “La Bussola”

Il Centro continua ad essere aperto e operativo, ma abbiamo sospeso tutte le attività, i laboratori e gli sportelli. La fascia oraria è ridotta, siamo aperti solo dalle 12 alle 16 per garantire pasti, docce e il servizio di lavanderia, chiaramente rispettando tutte le misure di sicurezza: una persona per tavolo durante il pranzo, docce e lavanderia si usano a turno uno alla volta.
I nostri ospiti sono molto abituati a trovare vitalità nel nostro ambiente, a fare laboratori e attività, quindi alcuni di loro sono un po’ smarriti da questa nuova situazione, dalla nuova atmosfera che da familiare è diventata molto “meccanica”: si entra uno alla volta, ci si lava subito le mani e tutto viene igenizzato più e più volte. Noi operatori corriamo molto, sono tante le cose da fare e le attenzioni da avere in continuazione, anche perché non abbiamo più i volontari a supportarci, quindi non rimane neanche il tempo per pensare troppo alla situazione e ai rischi che corriamo. Alcuni di noi, inoltre, danno supporto alcune ore all’Asilo notturno che ora è aperto 24h.

 

Abitazione protetta per donne vittime di violenza “Casa Viola”

Siamo in contatto ogni giorno con le donne che vivono a Casa Viola, che in questi giorni stanno soffrendo molto l’ulteriore isolamento a cui sono obbligate. Facciamo comunque visita in appartamento chiaramente rispettando con estrema attenzione tutte le indicazioni di sicurezza.

 

Servizio Uomini Maltrattanti

Abbiamo dovuto interrompere le attività del gruppo ma continuiamo a fare colloqui individuali al telefono con ognuno degli uomini e manteniamo il contatto con tutti attraverso gruppi whatsapp in broadcast. È indispensabile mantenere questo rapporto per evitare che cali la motivazione e che quindi qualcuno di loro abbandoni tutto il lavoro fatto ricadendo in atteggiamenti violenti.

 

Centro Antiviolenza Civico Donna

Continuiamo a tenerci in contatto con le donne telefonicamente. Dato che spesso la convivenza forzata con il partner maltrattante non consente loro di poter telefonare e parlare liberamente, abbiamo attivato anche il canale Messenger attraverso la nostra pagina facebook, così da offrire una possibilità di contatto in più.

 

Laboratorio Occupazionale Protetto

Il LOP continua a rimanere in funzione, è uno dei servizi che il Comune di Padova ritiene necessario, anche perché in questo modo i nostri utenti possono continuare a ricevere un corrispettivo economico, assolutamente rilevante per loro.
Le attività proseguono nel rispetto delle misure di sicurezza, i lavoratori sono divisi in gruppi per poter mantenere le distanze tra loro e salvaguardare la loro salute.

I nostri Centri Diurni sono chiusi

In applicazione della Circolare della Regione Veneto del 6 marzo 2020 i nostri Centri Diurni per la disabilità “Mosaico” e per la Salute mentale “Attivamente” resteranno chiusi fino al 3 aprile. Stiamo continuando ad essere vicini ai nostri utenti e alle loro famiglie attraverso telefonate, gruppi whatsapp e videochiamate e cerchiamo anche di stimolare la socializzazione tra di loro per sostenerli il più possibile in questo momento così complesso.


Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.
Ok Leggi di più