Dal blog di Gruppo Polis

Le storie, gli eventi, le notizie raccontano il nostro impegno
News

COME LA RESILIENZA STA AIUTANDO L’INTEGRAZIONE

“Household and Resilience in Times of Crisis” è la conferenza finale del progetto “RESCuE”, progetto di ricerca che ha coinvolto diverse nazioni europee nell’analisi e nello studio di come lo sviluppo di alcune forme di resilienza abbiano permesso a individui e famiglie di superare cambiamenti sociali, economici e culturali con minor sofferenza e con una migliore capacità di resistenza e adattamento.

La nostra Francesca Cimino è stata invitata a partecipare per presentare alla Conferenza, che si è tenuta a Berlino il 18 gennaio 2017, la sua esperienza con i richiedenti asilo.

Per i rifugiati, il processo di resilienza risulta essere determinante per una buona integrazione sociale e lavorativa nella società di accoglienza, e per riuscire a superare i traumi subiti nel paese di origine e durante il viaggio verso l’Europa. La ricerca di Francesca si è concentrata su un percorso formativo progettato nel 2015 utilizzando un particolare approccio di educazione degli adulti (apprendimento trasformativo), con l’intento di andare ad aiutare e promuovere l’attivazione del processo di resilienza fra i richiedenti asilo accolti nei nostri servizi.
L’apprendimento trasformativo è un approccio che definisce l’apprendimento come quel processo per cui gli individui rivedono azioni ed esperienze passate, analizzandole e riflettendo criticamente a proposito. Questa analisi, insieme alla riflessione critica, può portare ad una nuova prospettiva che guiderà le future azioni e comportamenti della persona e che potrebbe promuovere una maggiore resilienza.
Il percorso formativo nasce da un’esigenza percepita dagli operatori stessi della cooperativa: l’intero gruppo di professionisti concordava nella frequente mancanza di resilienza tra le persone accolte, e dichiarava una certa difficoltà nell’aiutare i rifugiati a sviluppare questa capacità. Sono stati quindi progettati una serie di incontri che potessero aiutare i rifugiati a sviluppare una maggiore resilienza attraverso l’approccio dell’apprendimento trasformato.
L’obiettivo di questi incontri era stimolare la riflessione critica sulle esperienze passate e le sfide presenti. Insieme agli operatori sono stati percorsi vari aspetti delle vite passate dei partecipanti, i paesi di origine, il viaggio verso l’Europa, l’arrivo in Italia, la vita attuale e gli obiettivi futuri. Per fare questo si è cercato di stimolare molto l’immaginazione, il pensiero, e di coinvolgere i partecipanti in differenti linguaggi espressivi (teatro, narrazione, pittura, immagini visive).

I partecipanti durante il percorso formativo hanno avuto la possibilità di iniziare una riflessione critica sulla loro attuale vita in Italia e sui piani futuri, ma anche sulle difficili esperienze passate, come il viaggio e la distanza forzata dalla famiglia: chi è riuscito ad attivare e promuovere un pensiero critico durante questo percorso, ha dimostrato di essere più realistico, più concreto e capace di fronteggiare le nuove sfide, quindi probabilmente di poter intraprendere più agilmente un processo resiliente e trasformativo, rispetto agli altri.

Il percorso presentato da Francesca si pone come spunto di approfondimento per opeatori del settore sia nell’ambito dei richiedenti asilo sia per approcciarsi a persone adulte che hanno subito eventi traumatici di diverso tipo, come le donne vittime di violenza.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.
Ok Leggi di più