Volontario con i senza dimora, raccontato da Sindi - Gruppo Polis

Dal blog di Gruppo Polis

Le storie, gli eventi, le notizie raccontano il nostro impegno
Approfondimenti

IL VOLONTARIATO CON I SENZA DIMORA, RACCONTATO DA SINDI

*”Mi chiamo Sindi, ho 18 anni, sono un volontario alla Bussola da più o meno due mesi.

Sono qui, alla Bussola, sia per conoscenza sia perché, facendo Scout, ho un servizio che devo fare.

Prima di iniziare la mia esperienza ero un po’ dubbioso su quello che sarei andato a fare e sopratutto con chi: non ho mai avuto esperienze simili, quindi le mie preoccupazioni erano parecchie.

Tutto questo “preoccuparsi” è svanito dopo un paio di giorni di servizio.
Quelli che possiamo chiamare pregiudizi sono svaniti.
Avere dei pregiudizi è sì una cattiva abitudine, ma ognuno ne ha quando si approccia a qualcosa di nuovo.
Sono stato accolto molto bene dagli altri volontari e operatori. Dagli utenti, invece, ho notato una specie di distinzione: c’era chi gradiva parlare e conoscermi senza problemi; chi invece faticava anche a salutarmi l’indomani.

Ovviamente un volto nuovo può far paura, c’è chi magari è timido di suo, ma c’è anche chi tutt’ora fa fatica solo a chiedermi un caffè.

Ma nel complesso ogni giorno mi sento sempre più vicino a loro.

Trovo divertente ma sopratutto anche molto educativo passare del tempo con loro, semplicemente scambiando due chiacchiere…fa riflettere su quanto la società possa essere ingiusta, a volte.

Partecipo con alcuni di loro alle varie attività che proponiamo, specialmente la lavorazione della terracotta, che si rivela essere un ottimo momento di confronto. Ma in generale ogni attività può essere un pretesto per confrontarsi, se gestita nel modo giusto.

L’unica cosa negativa, è la poca partecipazione.

In più mi piacerebbe vedere maggior collaborazione tra gli utenti, e non il solito “puntare il dito tra di loro”…e questo sarà uno dei miei obiettivi.

Consiglierei di fare volontariato alla Bussola a chiunque. Mi sento fortunato ad essere qui.”

*L’intervista a Sindi è stata realizzata da una delle persone senza dimora accolte a La Bussola e rientra in un progetto di racconto portato avanti come attività all’interno del Centro.


La nostra cooperativa Gruppo R, che gestisce il Centro diurno per senza dimora “La Bussola”, è socia da alcuni anni di fio.PSD (Federazione Italiana Organismi per le Persone Senza Dimora) associazione che persegue finalità di solidarietà sociale nell’ambito della grave emarginazione adulta e delle persone senza dimora.

La settimana dal 13 al 19 marzo fio.PSD ha scelto di dedicarla alla campagna #HomelessZero, campagna di sensibilizzazione patrocinata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per la realizzazione di misure e interventi contenuti nelle Linee di Indirizzo per il Contrasto alla Grave Emarginazione Adulta in Italia.

Scopri di più sulla campagna #Homelesszero

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.
Ok Leggi di più